Sciroppino o polentina?

tosse-bambini.jpgTosse, tosse, tosse e anche raffreddore. Il mio piccolo è afflitto da questi disturbi da quando è iniziato l’inverno. Ovviamente l’aria malata della città non aiuta e anche la frequenza del nido peggiora la situazione. E allora che fare? Dopo sedute estenuanti di aerosol sono giunta alla conclusione che faccia ben poco. Forse è più che altro un palliativo che fa credere a noi mamme di fare qualcosa di buono. Allora sono passata a uno sciroppino, con qualche beneficio in più. Anche se non posso continuare a dargli medicine fino all’arrivo della primavera.

C’è l’ultima soluzione che dovrò provare: la cosiddetta polentina! Le nonne la consigliano ad oltranza, ma io per ora mi sono rifiutata, mi pare di praticare una sorta di stregoneria. Si prende la farina di semi di lino si cuoce con l’acqua e si applica ancora molto calda sul petto del piccino, appoggindola su un panno di lana. Pare che sia un rimedio infallibile. vedremo!

Sciroppino o polentina?ultima modifica: 2010-01-08T11:39:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Sciroppino o polentina?

  1. Dunque, se il vostro bambino ha una bella tosse catarrosa dategli un leggero lassativo e vedrete che starà molto meglio semplicemente perchè nel suo intestino non ci sarà più il muco che ingerisce invece di espellerlo dalla bocca…
    Poi cercate di non far mangiare carboidrati e frutta ai vostri bambini dopo le 17:00 perchè non fate altro che aumentare la sua acidosi metabolica e quindi il ristagno di virus, batteri e tossine. La sera quindi è meglio preparargli una cenetta a base di verdure, pesce o carne ed una bella tisana al finocchio prima di metterlo a letto!
    Quest’ultima regola vale per tutti, grandi e piccini!

Lascia un commento